MENU
Visit Us On Facebook

I 40’anni di Sea Shepherd: la storia e le attività nel Mediterraneo


composit immagini

Data e orari:
Venerdì 1 giugno 2018, dalle 21.00 alle 22.15
via Stresa 13 – Milano

– Ingresso gratuito su prenotazione con tessera 2018. Rinnovo tessera 1 euro
   (non sarà necessario compilare nuovamente l’anagrafica).
– Tesseramento nuovo socio, 1 euro previo compilazione anagrafica

Per info e prenotazioni:
info@radicediunopercento.it
+39 3482506498

Relatori:
Enrico Salierno (Vice presidente nazionale)
Filippo Cabrini (coordinatore regionale)

Per festeggiare il 40° anno di attività di Sea Shepherd, l’Associazione Culturale Radicediunopercento ha organizzato un’evento con la partecipazione di Enrico Salierno (Vice presidente nazionale) e Filippo Cabrini (coordinatore regionale).
La serata è dedicata alla scoperta delle nuove attività nel Mediterraneo. All’interno della serata sarà proiettato un video inedito celebrativo delle azioni più rappresentative di Sea Shepherd nel tempo.
Costituita nel 1977, Sea Shepherd è un’organizzazione internazionale senza fini di lucro, la cui missione è quella di fermare la distruzione dell’habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani del mondo intero, al fine di conservare e proteggere l’ecosistema e le differenti specie.
Sea Shepherd pratica la tattica dell’azione diretta per investigare, documentare e agire quando è necessario mostrare al mondo e impedire le attività illegali in alto mare.

marine debris team 150 pixelCAMPAGNA PELAGOS
Nel giugno 2016 all’interno del Santuario dei Cetacei “Pelagos” in Sardegna, nelle acque antistanti la Gallura, ha avuto luogo il primo test di supporto da parte di Sea Shepherd ad una serie di attività di ricerca scientifica svolte dalla Cima Research Foundation e l’Università degli Studi di Siena. Lo scopo delle attività dei gruppi scientifici è stato il monitoraggio dei cetacei presenti lungo il confine sud est del Santuario Pelagos e quello di acquisire dati sulla presenza di microplastiche nella zona.
sea shepherd Pelagos 4   sea shepherd Pelagos 5   sea shepherd Pelagos bis
La microplastica, oltre ad essere di sua natura inquinante, funge da aggregatore per tutti i contaminanti prodotti dalle attività umane a terra. Gli effetti sulla fauna di questi composti (DDT, PCB, ecc.) vanno dalla cancerogenicità, alla distruzione del sistema immunitario, fino a disfunzioni del sistema endocrino. Inoltre queste sostanze persistono nell’ambiente anche a distanza di decenni, entrando nella catena alimentare e a positandosi principalmente nel grasso dei cetacei. A bordo della nave di Sea Shepherd “MV Brigitte Bardot” i ricercatori hanno potuto effetture le prime prove per scoprire l’impatto dalle microplastiche sul rnnbdd l’area oggetto delle attività e quantificare la presenza di Cetacei, anche in relazione alla concentrazione di inquinanti.

Jairo Med 150pixelOPERAZIONE JAIRO MED
La “Campagna Jairo-Mediterraneo” di Sea Shepherd é nata nel 2017 per il monitoraggio e la tutela dei nidi delle tartarughe Caretta Caretta sulle spiagge del Cilento. In cooperazione con la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e l’Enpa di Salerno é stato possibile unire le competenze scientifiche per lo studio e la conservazione delle tartarughe marine dell’ente di ricerca partenopeo con l’efficacia, la preparazione e l’entusiasmo dei volontari di Sea Shepherd per realizzare due mesi di monitoraggio delle spiagge del Cilento nel periodo di massima probabilità di nidificazione. Lo scopo di Jairo Med è quindi tutelare i nidi di Caretta caretta, la più comune tartaruga del mar Mediterraneo ma fortemente minacciata e a rischio di estinzione.
sea shepherd JAIRO MED 3   sea shepherd JAIRO MED 200 pixel   sea shepherd JAIRO MED
Diverse sono state le attività svolte dai volontari, come la misurazione delle temperature della spiaggia per studi scientifici, pulizia della spiaggia, conferenze stampa, incontri presso i vari stabilimenti balneari per spiegare a cittadini e turisti, adulti e bambini, lo scopo di Jairo Med, come riconoscere eventuali tracce di tartaruga e chi contattare in caso di ritrovamento. A fine agosto, ad ampliare l’efficacia della Campagna Jairo Mediterraneo sulle spiagge, si é aggiunta la presenza della M/V Sam Simon che ha pattugliato le acque del Sud Tirreno. In sette giorni di attività al largo delle Isole Eolie, con la collaborazione della Guardia Costiera Direzione Marittima di Catania, la M/V Sam Simon ha recuperato ben 49 “cannizzi” illegali, ossia sistemi di aggregazione del pesce costituiti da bidoni di plastica uniti da corde di nylon, ancorati a fondali di 700/800mt di profonditàtramite grosse pietre. La collaborazione tra la Guardia Costieria di Lipari e i volontari di Sea Shepherd ha permesso di recuperare dalmare più di 73.5km di filo di nylon oltre a numerose taniche, bottiglie di plastica e rifiuti vari che costituiscono un pericolo per la vita marina del Mar Mediterraneo.

siracusa 150 pixelOPERAZIONE SIRACUSA
Operazione Siracusa é la campagna italiana di Sea Shepherd più longeva. Nata nel 2014, ha come compito la tutela dell’area marina protetta del Plemmirio a Siracusa dove, a causa della pesca di frodo, le cernie brune non riescono a riprodursi e rischiano l’estinzione. I volontari grazie al loro pattugliamento notturno intercettano le imbarcazioni bracconiere e i subacquei illegali segnalandoli alle Forze dell’Ordine rappresentate dalla Guardia Costiera e dalla Guardia Di Finanza, con cui si é instaurata una forte e proficua collaborazione. Oltre alle Cernie Brune, nella stessa zona Sea Shepherd cerca di proteggere i ricci di mare, preziosi abitanti dell’ecosistema marino e molto richiesti dal mercato. La missione di Sea Shepherd è quella di fermare la distruzione dell’habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani del mondo intero al fine di conservare e proteggere l’ecosistema e le differenti specie.

Sea Shepherd operazione Siracusa 2   Sea Shepherd operazione Siracusa 3 200pixel   Sea Shepherd operazione Siracusa 4

Per info e prenotazioni:
info@radicediunopercento.it
+39 3482506498

0
1105
0