MENU
Visit Us On Facebook

LA NATURA IN TRAPPOLA – Bracconaggio e crimini ambientali


7_980pixel
Data e orari
Sabato 27 ottobre 2018 ore 21.00
Casa della Cultura
Via Borgogna, 3 – Milano

Per info:
info@radicediunopercento.it
+39 3482506498

– Ingresso libero con il biglietto della mostra Wildlife Photographer of The Year 2018.

img 610 2_300pixel 4_300pixel IMG_6982_300pixel

DESCRIZIONE DELLA SERATA
I “crimini di natura” sono tutte le azione che mettono a rischio il futuro della rete della vita sul pianeta, una rete costituita da ecosistemi, specie, habitat e ricchezza genetica.
Il commercio di fauna selvatica è un crimine di natura e rappresenta il quarto principale mercato criminale dopo il traffico di droga e armi, il traffico di beni contraffatti e il traffico di esseri umani. Negli ultimi anni il bracconaggio ha avuto un ritmo di crescita molto elevato e si è trasformato in un business globale che si avvale di reti criminali internazionali ben organizzate, spesso dedite anche ad altri business illegali come il commercio di armi e droga. Produce e alimenta corruzione, instabilità, guerre e conflitti.
Ogni giorno migliaia di specie animali sul pianeta rischiano la vita a causa dei bracconieri: tigri, gorilla, rinoceronti, elefanti, lupi, rapaci, uccelli migratori e una lista interminabile di altri esseri viventi sono vittime di questo reato ambientale per i motivi più disparati.
Il problema non è confinato agli stati extraeuropei, infatti l’Italia è il paese in Europa con la maggiore biodiversità, ma al contempo è uno dei paesi col più elevato tasso di illegalità e criminalità ambientale, con un giro di affari stimato in miliardi di euro l’anno. Si va dal taglio e sfruttamento illegale di legname, allo smaltimento illegale di rifiuti, dalla caccia e pesca di frodo al commercio illegale di specie protette e loro derivati, sia a scopi commerciali che alimentari.
Contrastare i crimini di natura in Italia e nel mondo è una delle principali sfide del futuro, una sfida che tutti dobbiamo affrontare e soprattutto che dobbiamo vincere.

elefante_485pixel Roberta Castiglioni_485pixel

roberta_castiglioni_tondo
Relatrice:
Roberta Castiglioni
Zoologa. Laureata in Scienze Naturali.
Membro del C.D. della Società Italiana di Scienze Naturali (SISN) di cui è socio dal 1997. Fondatore del Centro Studi Fauna Vertebrata. “Luigi Cagnolaro” (CSFV) della SISN, ne è stata Responsabile dal 2003 al 2008 e dal 2015 ad oggi. Ha svolto ricerche sui primati (Macaca nemestrina) al Centro Ricerche Primati Ospedale San Raffaele a Milano e in Marocco (Macaca sylvanus). Ha svolto ricerche sulla marmotta alpina, sulla nutria, sui lemuri e sulla distribuzione storica dell’orso e del lupo. Attualmente è responsabile di vari progetti sulla fauna tra i quali spiccano il progetto “Ibis sacro in Lombardia” e “Parrocchetto monaco in Lombardia”. E’ stata curatrice e relatrice di molti cicli di conferenze naturalistiche, pubblicazioni e mostre. Socio fondatore del Centro Studi Storico Naturalistici della SISN. Correlatore di numerose tesi di laurea in Scienze Biologiche e Scienze Naturali. E’ titolare della Darwin-Ricerca e Divulgazione Naturalistica, dal 1999 dirige la ricerca e la divulgazione scientifica del Parco Faunistico Le Cornelle. Consulente scientifico e conduttrice di trasmissioni televisive per Mediaset/Rai/Sky. Leggi il curriculum…

 

radicediunopercento-testo-home

0
764
0