Vedi Tutti gli Eventi

Workshop di Fotografia Naturalistica al Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise – Marco Colombo e Antonio Macioce

23 Febbraio 2023, 9:00 - 26 Febbraio 2023, 16:30

Con Marco Colombo, Naturalista e Fotografo, vincitore del Wildlife Photographer of the Year 2018, 2016 e 2011

>> Guarda tutti i CORSI, SEMINARI ed INCONTRI con Marco Colombo <<

Escursione Naturalistico/Fotografica

DATA e ORARIO:
Da Giovedì 23 a Domenica 26 Febbraio
Orario di ritrovo 9.00 (circa)

Nota: Il luogo esatto di ritrovo verrà comunicato dallo stesso docente ad iscrizione effettuata.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:
320 Euro
Una volta versata, la quota non risulta rimborsabile in caso di mancata partecipazione all’evento.

ISCRIZIONE:
info@radicediunopercento.it
+39 3482506498

LA QUOTA COMPRENDE
Assistenza da parte di due Fotografi Naturalisti, lezione teorica ed esercitazioni pratiche, elementi di etologia e interpretazione delle tracce.
LA QUOTA NON COMPRENDE:
Vitto, alloggio, trasporti, trasferimenti, extra e quanto non indicato nella voce precedente.
LOCALITA':
Il luogo esatto verrà comunicato dal docente ad iscrizione effettuata.
INTRODUZIONE:

Ogni stagione, in natura, ha le sue peculiarità. L’inverno arriva silenzioso, e avvolge tutto in un manto freddo: le montagne si svuotano dal clamore dei suoni estivi e primaverili, e l’autunno viene lentamente sostituito mentre le foglie cadono dagli alberi. Se tutto va come deve andare, in montagna nevica, e non poco.

Tra le regioni più interessanti dal punto di vista dei paesaggi invernali si annovera l’Abruzzo, ove faggi secolari e pendii dalle trame delicate creano scorci meravigliosi.

In quattro giorni immersi tra le faggete silenziose, cercheremo di vedere e fotografare nel loro ambiente naturale gli animali che popolano questi ambienti: il cervo nobile, grande e maestoso, è una delle specie più comuni e facili da incontrare; il camoscio appenninico, un delicato endemismo, durante l’inverno scende dalle alte quote e diventa più facilmente osservabile.
Il lupo appenninico, fantasma dei boschi, si rende un po’ meno elusivo.

Viaggio nella natura selvaggia del parco, una magia sensibile e delicata.

WORKSHOP AUTORIZZATO DALL’ENTE PARCO


NOTA IMPORTANTE SULLE ATTREZZATURE:

Se entro la data dell’evento verrà approvata la nuova legge sulle escursioni in ambito innevato, i docenti lo comunicheranno tempestivamente agli iscritti, ed ogni partecipante sarà tenuto a noleggiare per proprio conto Artva, pala e sonda (presso Decathlon, Sport Specialist e simili) e portarli con sé.

In tal caso non verranno accettati partecipanti senza tali dispositivi e non verrà restituita la quota di partecipazione.

Si consiglia di muoversi per tempo cominciando ad informarsi presso i centri suddetti perché è possibile la disponibilità di kit sia limitata.

ATTREZZATURA NECESSARIA:

Scarponi da trekking, moon boot, giacca a vento (possibilmente in gore-tex), borraccia, thermos, cappello, occhiali da sole, sciarpa, pantaloni lunghi, pile, guanti, torcia (consigliati i modelli frontali), scaldini per mani e piedi (acquistabili in negozi sportivi), ciaspole (noleggiabili in negozi sportivi in loco su prenotazione), ghette, bastoncini, impermeabile, binocolo, sacchetti di plastica per alimenti, elastici, tute monouso da imbianchino, catene e gomme da neve; è consigliabile vestirsi con molti strati viste le basse temperature e la maggior sensazione di freddo durante l’immobilità degli appostamenti. I colori dello strato più esterno dovrebbero essere neutri per non risultare troppo visibili sulla neve (bianco, grigio). È necessaria per gli appostamenti una >> ghillie <<. Si consiglia anche un piccolo cuscino per sedersi a terra.

SPECIE OSSERVABILI:

Cervo nobile (Cervus elaphus); nel Parco è raro il Capriolo (Capreolus capreolus), mentre è comune incontrare il Cinghiale (Sus scrofa) e la Volpe rossa (Vulpes vulpes). L’inverno inoltre è la stagione migliore per poter avvistare a basse quote il Camoscio appenninico (Rupicapra pyrenaica ornata) ed il Lupo appenninico (Canis lupus italicus), che rimane in ogni caso elusivo.


ATTREZZATURA FOTOGRAFICA CONSIGLIATA:

Teleobiettivo (lunghezza focale minima 300mm), grandangolare, macro, cavalletto. Sono ben accette anche persone senza attrezzatura fotografica che vogliano semplicemente osservare gli animali, poiché il workshop avrà un’impronta di tipo naturalistico con nozioni su morfologia, ecologia, etologia e conservazione dei soggetti incontrati.


REQUISITI RICHIESTI/DIFFICOLTÁ:

Le escursioni sono di difficoltà facile, sempre vicino alla strada, a bassa quota. Le temperature possono essere molto basse ed è richiesta una buona resistenza al freddo e alle camminate nella neve. Se non c’è neve perché fa caldo, probabilmente piove. In caso di precipitazioni intense le escursioni saranno effettuate a discrezione dei docenti; non siamo allo zoo, non è detto si vedano gli animali e non è detto si vedano vicini. Un incontro da lontano con la fauna del Parco ha un valore incommensurabilmente più elevato di un incontro da vicino in un recinto o in mete estere fortemente turistiche. NOTA: ci si sveglia presto!


BUONO REGALO:

VUOI REGALARE IL WORKSHOP AD UN AMICO?
Richiedi il PDF del Buono regalo con due semplici CLICK 

INFO COVID-19:

A causa dell’attuale situazione sanitaria globale, lo svolgimento del workshop dovrà essere effettuato adottando ogni precauzione possibile, al fine di prevenire ogni possibile diffusione e trasmissione del virus.

I partecipanti sono tenuti 24 ore prima dell’arrivo in loco a compilare, firmare e restituire via email il modulo di autodichiarazione apposito (che verrà fornito dal docente al momento dell’iscrizione).

Il workshop non prevede la permanenza in spazi chiusi.
Tutti i partecipanti sono tenuti a portare mascherine e gel disinfettante per le mani per utilizzarli qualora le condizioni lo richiedano.

* Queste informazioni potranno essere soggette a cambiamenti in base alla normativa nazionale.

DOCENTI:

GUIDA: Marco Colombo
Naturalista, fotografo, autore, divulgatore scientifico
Laureato presso l’Università degli Studi di Milano in Scienze Naturali, lavora nell’ambito della divulgazione scientifica e della fotografia naturalistica professionale.

La sua grande passione per la natura l’ha portato a diventare uno dei più importanti fotografi naturalisti del panorama nazionale ed internazionale.
Nel 2018 si è riconfermato vincitore al Wildlife Photographer of the Year, (già premiato nel 2016 e 2011), il concorso, di proprietà del National History Museum di Londra, è la più importante competizione di fotografie naturalistiche al mondo.
Marco è docente di corsi di fotografia naturalistica e di workshop pratici (Parco Nazionale d’Abruzzo, Parco Nazionale Gran Paradiso…) nei quali fonde le sue grandi competenze tecnicoscientifiche* a doti di straordinaria comunicabilità che fanno di lui un grande insegnante. Per queste sue qualità è spesso ospite in trasmissioni televisive quali Lineablu e Geo in qualità di esperto.
Numerose sue foto hanno vinto o ricevuto menzioni speciali in concorsi internazionali, tra i quali Asferico, GDT European Wildlife Photographer of the Year e Festival Mondial de l’Image Sous-Marine e ovviamente anche al Wildlife Photographer of the Year, nel 2011 e nel 2016 e nel 2018!
 

Sue foto, articoli scientifici e divulgativi sono stati pubblicati su diverse riviste del settore; E’ autore e coautore di libri di identificazione e fotografici, oltre che di numerose mostre sulla natura italiana, proiezioni e conferenze.

Nel 2016 pubblica I tesori del fiume (Pubblinova edizioni Negri).

Nel 2019 pubblica Paesaggi bestiali (Pubblinova edizioni Negri).
Nel 2021 pubblica il suo ultimo libro Il bosco delle maschere – la vita segreta del tasso, che contiene oltre 90 foto inedite sulla vita del tasso e testi redatti sulla base della più recente bibliografia scientifica.

*Istruttore di immersione subacquea CMAS M1,
*guida ambientale certificata AIGAE (numero tessera LO414)
*docente di biologia marina presso società ReD Sub (Castellanza, VA)

Una curiosità: da giovanissimo ha scoperto un ragno in Sardegna sconosciuto alla comunità scientifica, ora conosciuto come Ragno Nuragico.

Leggi la biografia completa

 

Antonio Macioce
Nato ad Aquino nel 1970, all’età di quindici anni si avvicina alla fotografia coniugandola alla passione per la natura. Le sue foto sono state pubblicate su diverse riviste fotografiche e naturalistiche, ed è stato ospite in trasmissioni televisive RAI come Geo&Geo e Alle falde del Kilimangiaro; collabora con enti e Parchi Nazionali e Regionali, ed è affiliato all’Università Alma Mater di Bologna e alla Scuola di Fotografia APAB di Firenze per tirocini con studenti. Organizza workshop foto-naturalistici in tutto il territorio nazionale ed anche nei Paesi confinanti. Fotografa la natura a 360 gradi ma ha un amore viscerale per i grandi predatori italiani.

  • Tipo e Docente: Escursioni,Workshop Docente:
  • Inizio e Fine: 23 Febbraio 2023 - 9:00 26 Febbraio 2023 - 16:30
  • Sede e Durata:Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (4 giorni)

Tutti i contenuti, in qualunque forma espressi, offerti da www.radicediunopercento.it – originali o condivisi da siti esterni – sono redatti con la massima cura/diligenza e sottoposti ad un accurato controllo. Le fonti dei contenuti pubblicati in quest[o/a] [sito] [pagina], ove presenti, sono sempre indicate. Associazione Culturale Radicediunopercento, gli autori e/o gli amministratori del sito non si assumono alcuna responsabilità relativamente ad eventuali imprecisioni, errori, omissioni, danni (diretti, indiretti, conseguenti, punibili e sanzionabili) derivanti dai contenuti riportati in quest[o/a] [sito] [pagina].

  La grafica, le immagini, i video e ogni altro contenuto presente su quest[o/a] [sito] [pagina], ove non diversamente specificato, appartengono ad Associazione Culturale Radicediunopercento, pertanto non potranno essere pubblicati, riscritti, commercializzati, distribuiti, radio o videotrasmessi, da parte degli utenti e dei terzi in genere – in alcun modo e sotto qualsiasi forma – senza preventiva autorizzazione da parte dei responsabili di Associazione Culturale Radicediunopercento.

  In relazione alle immagini e/o ai contenuti di cui l’Associazione non si dichiara espressamente autore, la stessa non detiene alcun diritto d’autore. Nei casi in cui non è citata la fonte, si tratta di materiale largamente diffuso su internet e ritenuto, pertanto, di pubblico dominio. Chiunque rivendicasse il copyright di qualsiasi immagine o contenuto presente o intendesse segnalare qualsiasi controversia riguardante i diritti d’autore, è pregato di contattarci inviando una e-mail all’indirizzo info@radicediunopercento.it

2021® Associazione Culturale Radicediunopercento

P.iva 07987530966 – Codice Fiscale 97626690156

Privacy Policy